Gestione Vendita al Banco

Funzionalità del programma utilizzabile per la vendita al minuto e per interagire con il registratore di cassa stampando lo scontrino fiscale (ma anche solo per lo scarico del magazzino).

All’apertura della maschera il cursore è già pronto e posizionato su 1 nuova vendita, si può subito iniziare inserendo il 1° prodotto.

Se si desidera invece richiamare 1 scontrino esistente è possibile utilizzare la casella di ricerca Ricerca in alto a destra: è possibile modificare, eliminare e ristampare tutti gli scontrini già emessi anche se già stampati / inviati al registratore di cassa (con la dovuta cautela!)

Il numero interno e lo stato dello scontrino non sono modificabili dall’utente, lo stato dello scontrino è “inserito” fintantoché non è stampato.

  • Cliente: è possibile associare lo scontrino ad una cliente a fini statistici; è invece obbligatorio se si vogliono gestire Acconti, Buoni Acquisto e Fatture.
  • Listino: listino associato al cliente: è possibile inserire anche solo 1 listino senza indicare il cliente
  • Codice articolo: normalmente l’inserimento dei prodotti viene fatto con un lettore barcode ad emulazione tastiera.
    E comunque possibile inserire gli articoli “normalmente” senza lettore ma con la tastiera, selezionandoli a mano dalla casella combinata o cercandoli conil tasto F3 si effettua la ricerca

Il tasto con l’immagine del bar code serve quando il codice a barre non corrisponde al codice dell’articolo ma viene salvato in un altro campo della scheda articolo:

    • codice aggiuntivo
    • codice a barre (c’è la possibilità di associare “enne” codici a barre allo stesso articolo)

Una volta inserito il codice il programma inserisce automaticamente quantità “1” e prezzo di vendita (o prezzo di listino se è stato selezionato 1 listino).

Si possono gestire dalle impostazioni alcuni comportamenti della maschera come:

  • Relativamente alla quantità
    1. inserimento quantità 1 e passaggio automatico a nuova riga
    2. richiesta quantità
  • Iva
    1. Scorporo dal prezzo proposto
    2. Aggunta al prezzo proposto
  • Sconti
    1. Aggiunta sconti scheda articoli
    2. Ignoro sconti
  • Arrotondamenti
    1. Tipo di arrotondamento

Quando il prezzo di vendita o il listino non sono presenti il programma si ferma sempre per richiedere questo valore.

Per l’elenco completo delle opzioni vedere la maschera Vendita al banco \ Impostazioni

Digitando il tasto “Salva riga/Nuova riga”  si ritorna al codice articolo per l’eventuale inserimento di un altro prodotto.

Gli articoli presenti nello scontrino sono visualizzati nell’elenco al centro della maschera e richiamati con un clic per modifiche ed eliminazioni

Tutte le altre operazioni possibili sono selezionabili sia con la tastiera che con il tasto apposito a fianco:

  • Nuovo (Alt+N) nuovo scontrino
  • Esci (Alt+E): uscire dalla maschera
  • Cancella (Alt+C): per cancellare lo scontrino.
  • Reso (F10): è possibile all’interno di 1 scontrino inserire il resto di un prodotto acquistato precedentemente in 2 modi:
    1. inserire il codice del prodotto reso, selezionare la riga, premere questo tasto
    2. da una nuova riga premere il tasto per accedere allo storico degli scontrini da dove, attraverso una ricerca per data e per anagrafica, si può stornare un prodotto di 1 vecchio scontrino (quindi parzialmente, 1 prodotto per volta) selezionato 1 riga e cliccando il tasto “Ok”
      (Il risultato è che la quantità diventa negativa, quindi volendo si può a mano inserire anche a mano)
      Quasi tutti i registratori non accettano progressivi negativi: vanno inserite prima le vendite e infine i resi
  • Storno (F11): si storna (elimina) la riga selezionata
  • Sconto Riga (F8): è un collegamento veloce per inserire 1 sconto nella riga selezionata o l’ultima riga inserita
  • Sconto Righe (F9): è un collegamento veloce per insreire 1 sconto su tutte le righe dello scontrino
  • Codice Fiscale (Alt+F): per inserire il codice fiscale in modo da poter ottenere 1  “scontrino parlante”.
  • SOLO SCARICO DI MAGAZZINO (F6): per confermare lo scontrino (diventa “stampato” e movimentare il magazzino senza stampare lo scontrino: questa operazione può tornare utile per esempio quando si sono emessi manualmente degli scontrini dal registratore di cassa e si vogliono successivamente inserire nel programma per avere giacenze e statistiche corrette
  • CONTANTE (F7): per stampare lo scontrino (o generare la fattura): si visualizza una maschera dove selezionare il tipo di pagamento, richiamare eventuali acconti, buoni d’acquisto o sconti cassa.

La stampa dello scontrino oltre a cambiarne lo stato da inserito a stampato bloccandolo, movimenta il magazzino scaricando le quantità vendute; infatti l’utilità della stampa virtuale (F6) è proprio quella di evitare la stampa fisica dello scontrino ma movimentare comunque il magazzino.

La stampa selezionata è preceduta da una maschera di conferma dove specificare il tipo di pagamento da applicare, una volta selezionato il pagamento, è data la possibilità di modificare anche il totale, si può procedere con la stampa.

Nota bene: la creazione delle tipologia di pagamento e dei reparti  è obbligatoria per poter effettuare la stampa.

Se 1 scontrino non viene stampato rimane “inserito” e non produce alcun movimento di magazzino: si deduce che è possibile iniziare una vendita e sospenderla per poi riprenderla successivamente.

 Note di Credito

Alcuni modelli di registratore supportano la gestione delle note di credito, anche se questa pratica non viene di fatto usata dai commercianti.

Se vedere questa opzione abilitata potete procedere all’inserimento dei prodotti normalmente: non si devono inserire quantità o prezzi in negativo!

Con il tasto “Contante” il documento viene inviato al registratore di cassa.

Non è richiesta l’indicazione del cliente, in pratica è uno scontrino negativo.

Buoni di Acquisto

Si emette un buono di acquisto quando un cliente rende un prodotto senza acquistarne un altro di valore almeno equivalente (altrimenti si tratterebbe di un normale scontrino con una riga di reso merce)

In questi casi la prassi è di emettere un buono di acquisto non fiscale che il cliente può utilizzare per pagare un acquisto futuro.

E’ consigliato (anche se non obbligatorio) selezionare il cliente in modo da poter velocemente avere sotto controlla la situazione dei buoni emessi e non ancora riscossi.

Il buono di acquisto si storna nello scontrino di vendita dopo aver premuto il tasto “Contanti” aprendo con l’apposito tasto l’elenco dei buoni “aperti”

Acconti

L’acconto fiscalmente è uno scontrino di vendita.

Dinamico lo distingue dagli scontrini solo per motivi gestionali, cioè per poter facilmente stornarli dalla successiva vendita: è chiaro che, anche se non è obbligatorio, l’imputazione del cliente è fondamentale nel momento in cui è necessario fare una ricerca.

Per registrare uno scontrino di acconto basta selezionare il tipo “Acconto” ed il cliente, quindi premere “Contanti” dove indicare l’importo ricevuto in acconto.

Per stornare un acconto inserire prima normalmente lo scontrino (ed il cliente se anche nell’acconto era stato imputato il cliente), quindi dopo aver premuto il tasto “Contanti” cliccare sull’apposito controtto “Acconti” per selezionare l’acconto da chiudere.

Fattura

La vendita al banco non è pensata per l’emissione di fatture anche se è possibile farlo: in realtà il programma compila un vero e proprio documento come se fosse inserito dalla “Gestione Documenti”

Questi scontrini non generano movimenti di magazzino e non vengono considerati nelle statistiche della vendita al banco, quindi è imporante impostare un tipo di documento con l’ opportuna causale di scarico del magazzino e codice magazzino.

In Dinamico Professional è necessario aver attivato anche il modulo “Documenti” per poter utilizzare questa funzionalità.

Per generare 1 fattura è necessario selezionare il cliente: con il tasto “Contante” viene creado il documento e visualizzato aprendo la maschera “Gestione Documenti”: nel documento è riportato il riferimento allo scontrino.

Scontrino e documento sono 2 cose distinte che vanno ognuna per la loro strada:

  • lo scontrino in realtà è trasparente in quanto, anche se stampato, non genera movimenti di magazzino e non appare nelle statistiche di vendita
  • la fattura è il vero documento dove intervenire direttamente in caso di modifica o eliminazione

I commenti sono chiusi.