Certificazione Unica Ritenute d’Acconto

Nel 2015 è stata introdotta la certificazione unica relativa alle ritenute d’acconto sui corrispettivi pagati ai lavoratori autonomi: si tratta di inviare per via telematica i certificati di versamento delle ritenute d’acconto.

Il programma permette di creare il file da inviare poi tramite i software “Desktop Telematico/File Internet” o “Entratel”.

E’ necessario verificare che siano installati i software aggiornati, per il Desktop Telematico le potete cercare tra le applicazioni con la sigla CUR

I dati vengono letti dall’archivio che si crea man mano che si registrano le fatture di acquisto, quindi il programma è già in grado di produrre il file: ci sono però dei campi nuovi che devono essere compilati prima di predisporre il file e sono:

Tabella Campo
Causali di versamento Codice Causale Cert. Unica
Anagrafica Fornitori, Scheda “Domicilio Fiscale” Cognome, Nome, Codice Comune

Il tracciato prevede una serie di campi “nuovi” che Dinamico non richiede: è possibile imputare o modificare tale dati solo dopo aver “importato” le varie certificazioni nella Comunicazione.

Un dato per esempio che potrebbe richiedere una variazione manuale è l’indirizzo di residenza del percipiente: è infatti previsto indicare tale informazione sia in data 1/1/2014 che in data 1/1/2015 (relativamente alla comunicazione dei versamenti del 2014).

Abbiamo previsto di poter modificare tutti i campi di dettaglio fornitore per fornitore: le istruzioni dettagliate sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Procedura

La procedura per la preparazione del file:

  1. Aprire la maschera dal menù Contabilità -> Ritenute d’Acconto -> Certificazione Unica
  2. Compilare i dati relativi alla Comunicazione: periodo e sostituto d’imposta
  3. Importare i dati da Dinamico con l’apposito comando
  4. Verificare nei vari record importati che la colonna “segnalazioni” riporti “ok”, altrimenti significa che c’è un errore o un dato mancante per quel record
  5. Modificare, se necessario, i singoli record dalla scheda “operazioni”
  6. Creare il file (verrà generato un file di estensione “.cur”

Per la trasmissione del file occorre:

  • Controllare il file, verrà creato un file .dcm
  • Preparare il file per l’invio selezionando il file .dcm, verrà creato un file .ccf
  • Inviare il file .ccf

Abbiamo previsto di creare anche un file “csv” facilmente leggibile con Microsoft Excel: questo permette stampare i dati contenuti nel file “.cur”, illeggibile, e poterlo trasmettere al commercialista per l’importazione nel suoi sistemi gestionali

I commenti sono chiusi.