Invio Dati Fatture (Spesometro Trimestrale)

Il 16 ottobre 2017 (dopo “enne” proroghe) è il termine per il 1° invio telematico del nuovo “Spesometro Trimestrale” che ora si chiama “Invio Dati Fatture”.

Solo per i dati del 2017 si dovranno inviare non i trimestri ma i semestri.

Come per la nuova liquidazione Iva abbiamo scelto tra i vari modi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, di produrre un file xml al quale dovrà essere apposta la firma digitale e poi caricato sul portale https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it (oppure appoggiandosi al Vostro consulente fiscale). I file in realtà saranno minimo 2: 1 per le fatture emesse 1 per quelle ricevute; in alcuni casi, al superamento di un determinato numero di record, verranno prodotti più file.

Quali sono i dati da inviare?

Questa volta si devono inviare praticamente tutte le fatture, emesse e ricevute:

  • fatture ricevute ed emesse, anche intra e extra cee, anche fatture emesse a privati
  • note di variazione
  • bolle doganali

Le autofatture “IntraCee” e “Reverse charge” non devono essere incluse nelle fatture di vendita (in Dinamico vengono ignorate, se generate dal programma in automatico: se inserite a mano vanno rimosse manualmente) ma solo negli acquisti.

Preparazione Archivi

Nel file xml vanno inseriti i dati dei clienti e fornitori e i dati delle fatture, oltre a quelli del dichiarante.

Dati clienti e fornitori

Vanno compilati: ragione sociale, indirizzo, cap, località, partita iva e/o codice fiscale, nazione

Per le persone fisiche è necessario flaggare l’apposito campo e compilare anche “Nome” e “Cognome”

Per le anagrafiche estere compilare i dati in possesso: per i dati mancanti l’Agenzia ha dato indicazione per la compilazione con dati fittizi (esempio undici 9 nella partita iva) in quanto sono campi obbligatori

Nazioni

Indicare il codice Iso 3166-1 Alpha-2 (quello lungo 2, esempio IT per l’Italia) della nazione in tabella Setup \ Altre Tabelle \ Nazioni (https://it.wikipedia.org/wiki/ISO_3166-1)

Per l’Italia, oltre a indicare il codice ISO “IT”, assicurarsi che sia presente il “Gruppo Paese” impostato su “Italia”

Codici Iva

Per i codici iva non imponibili / esenti è obbligatorio compilare il campo “Natura Operazione” scegliendo tra i valori disponibili

Per le aliquote “Intracee” e “Reverse charge”, dove il campo “natura operazione” è disabilitato, sarà il programma a indicare il valore N6 come richiesto dalle istruzioni

Procedura preparazione file

  • Aprire la maschera “Invio Dati Fatture (Spesometro Trimestrale)” da Contabilità \ Elaborazioni Periodiche
  • Compilare le date (per il 1° invio saranno quindi 01/01/2017 – 30/06/2017)
  • Solo la prima volta cliccare in basso a destra sul tasto “Compila auto.” per predisporre i dati del dichiarante: completare poi a mano con i dati mancanti (CF dichiarante, codice carica…)
  • Cliccare il tasto “Importa”
  • Controllare nei 2 elenchi “Fatture Emesse” e “Fatture Ricevute”, con l’aiuto dell’opzione “Solo errori”, se ci sono anagrafiche con dati incompleti: in caso è possibile correggere i dati del cliente o fornitore entrando direttamente con il doppio clic sull’elenco; una volta corretti tutti gli errori effettuare il ricalcolo con il tasto “Ricontrolla”
  • Le fatture dell’anagrafica generica “Dogana” per il 2017 possono (meglio devono) essere inviate modificando l’anagrafica generica indicando la partita iva “99999999999” e la nazione (Codice ISO) “OO”; attualmente (29/08/2017) il file non supera il controllo se non si indica anche indirizzo, comune e provincia  (dal 2018 bisognerà indicare i dati del fornitore, sarà necessario un aggiornamento del programma)
  • Rimuovere i movimenti delle schede carburanti, se presenti, facendo una selezione multipla con l’ausilio dei tasti shift e/o ctrl
  • Una volta completati i passaggi precedenti creare il file con il tasto “Esporta”

I file generati possono essere controllati, ahimè solo dopo il login, da questa pagina: https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/ser/datifatture/#/supporto/controllo-fattura

Annullamento Comunicazione

Per prima cosa è necessario recuperare l’id assegnato dal sito dell’Agenzia delle Entrate al file trasmetto da annullare, quindi associarlo al progressivo di Dinamico dalla tab “File Esportati”: doppio clic sul progressivo da annullare, inserimento del “Id di Sistema”, quindi si salva.

A questo punto, sempre dall’elenco nella tab “File Esportati”, si seleziona il progressivo da annullare e si clicca sul tasto “Annulla” (non quello sotto l’elenco ma quello a destra sotto il comando “Esporta”): il programma genera una nuova comunicazione di tipo “Annullamento” che trovate nella casella di ricerca in alto; bisogna selezionare la comunicazione così generata e creare il file xml da trasmettere con il tasto “Esporta”

Approfondimenti e chiarimenti:

FAQ:

Sezione ufficiale del sito con risposte alle domande frequenti: https://assistenza.agenziaentrate.gov.it/ServiziIva/KanaFattElettr.asp?new,Kb=FattElettr,retur=1://assistenza.agenziaentrate.gov.it/ServiziIva/KanaFattElettr.asp?St=279,t=faq.tem,templateset=Fatturazione,Company={6C688E8E-C5B4-4C73-88B0-D2024CFF8AC3}

I commenti sono chiusi.